Toyota Sensitive Concert

Torino Jazz  Festival Fringe

sfere night towers
sfere night towers
press to zoom
sfera @ night towers
sfera @ night towers
press to zoom
toyota towers beam.jpg
toyota towers beam.jpg
press to zoom
Night towers
Night towers
press to zoom
Render red.PNG
Render red.PNG
press to zoom
night towers
night towers
press to zoom
night towers
night towers
press to zoom
night towers
night towers
press to zoom
WHITE.PNG
WHITE.PNG
press to zoom
Ideazione e produzione:
 
Studio N
Superegg
 
Daniele Davino light designer

Il 29 maggio a Torino si è tenuto il primo Toyota Sensitive Concert, un grande evento di inclusione sociale che ha portato in Piazza Vittorio Veneto migliaia di persone per assistere all'apertura del TJF Fringe e alla tecnologica performance dei My Love Supreme di Francesco Bearzatti. 

Un Concerto per Tutti ed in Piazza infatti sono accorsi centinaia di Sordi che hanno voluto prendere parte al concerto ed apprezzare la grande capacità di condivisione che solo la musica può trasmettere.

 

 

Grazie alle Toyota Sensivite Spheres l'atmosfera in Piazza è stata ancora più emozionante. 
L'innovativa tecnologia delle sfere ha regalato attraverso colori e vibrazioni uno spettacolo multisensoriale che ha saputo colpire e coinvolgere tutto il pubblico presente. 
La musica è stata tradotta in: vibrazione, luce e colore da un sistema di sfere vibranti e colorate, e un insieme di fonti luminose diverse. 

La VIBRAZIONE: esprime il ritmo e la tonalità del suono attraverso la vibrazione delle Toyota Sensitive Spheres. 

La LUCE: esprime il ritmo. Le Toyota Sensitive Spheres, le barre led, le luci stroboscopiche e le teste mobili installate al concerto, sono associate a frequenze diverse del suono. 

Il COLORE: esprime il mood della musica. Ad esempio, una musica dolce produrrà delle tonalità rosse, una musica fredda delle tonalità blu.

 

È bastato appoggiare le mani sulle Toyota Sensitive Spheres durante il concerto e lasciarsi guidare dalle vibrazioni e dalle luci, per vivere la musica in una maniera nuova, forse mai provata prima. 

Non un concerto solo per persone sorde, ma un concerto in collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi, che ha integrato, non escluso. 

Perché tutti potessero provare la meraviglia della musica